La sanatoria slot machine con il nuovo governo

Ecco, questo ancora non era successo: parlare tra Renzi e il M5S con i “pizzini”. Avevamo visto di tutto nella Camera, urla, cartelli, cazzotti… ma ancora un “colloquio” tra il Presidente del Consiglio ed un deputato a mezzo “pizzini”, questo ancora no. Certo Matteo Renzi sta portando…. novità e speriamo che non sia solo questa! In ogni caso alla Camera è ricomparsa la sanatoria dei concessionari delle slot machine che tanto ha fatto discutere nei mesi scorsi. E’ stato visto questo “passaggio di pizzini” che ovviamente il M5S si è premurato di far pubblicare esponendolo “alla luce del sole” sottolineando che il Movimento non ha alcun interesse se non quello di trasparenza nei confronti dei cittadini e con loro non c’è possibilità di “inciuci” od “accordi segreti” tipo “vecchia politica”.

In uno di questi biglietti scambiati emergono tre fatti imputati al partito del neo eletto Presidente Renzi da parte del M5S: 7,5 miliardi di euro votati per le banche, 2,5 miliardi di euro di condono alle slot machine, 50 miliardi di euro per gli F-35 e quindi il tema della sanatoria per i concessionari slot machine torna alla Camera durante la discussione generale sulle dichiarazioni programmatiche per il nuovo Governo. Ed emerge anche la volontà del M5S di “stare dalla pare di Renzi” qualora il bel Matteo deciderà di far pagare i 98 miliardi di euro evasi al fisco dalle grandi aziende che operano nel campo delle slot machine e dei giochi d’azzardo!